Comitato Unico di Garanzia dell’Inail: Bilancio dei primi quattro anni di attività

CUG InailIl Comitato unico di garanzia dell’Inail fa il bilancio dei suoi primi quattro anni d’attività. A presentare una disamina approfondita di questa esperienza, tra obiettivi raggiunti e nuove prospettive di sviluppo, è stato il presidente del Cug, Antonella Ninci, a Roma, nel corso di un workshop organizzato presso il Parlamentino della sede di via IV Novembre.

Vediamo, in sintesi, i punti salienti della attività.

I Cug sono stati costituiti per rappresentare una giusta razionalizzazione rispetto alla duplicità degli organismi esistenti nel passato, i comitati antimobbing e per le pari opportunità, e sono stati ispirati da concetti sicuramente più attuali quali il contrasto a tutte le discriminazioni, non solo quelle di genere, e la valorizzazione del benessere di chi lavora.

L’allargamento delle competenze del Cug ha fatto sì che il Comitato abbia trovato nell’Inail la sua naturale collocazione. Benessere organizzativo, contrasto ai fattori di discriminazione a tutela dei lavoratori, attenzione alla disabilità sono, infatti, tutti campi riconducibili alla mission dell’Istituto e facilmente ricollegabili ai temi della prevenzione della salute e sicurezza, a partire dallo stress lavoro correlato. Ecco perché l’Inail, più di ogni altra amministrazione, è portatore di funzioni e valori che si identificano con l’attività che il Cug deve svolgere. Ed ecco perché anche le altre pubbliche amministrazioni vedono nell’Inail un importante riferimento.

Il bilancio del Cug secondo il Presidente

«Il bilancio del Cug dell’Inail è sostanzialmente in attivo, ma per una personale avversione agli elenchi delle cose fatte, preferirei partire dalle criticità».

Innanzitutto, la costituzione del Cug Inail è coincisa con la nascita del Polo Salute e Sicurezza e, dunque, con l’integrazione dei suoi tre enti: un’operazione importante che ha comportato diverse complessità organizzative, ma anche la soddisfazione di raggiungere una piena integrazione al nostro interno.

Il Cug ha dovuto superare anche alcuni ostacoli riconducibili, in generale, a un riconoscimento non pienamente definito del proprio ruolo e che ha faticato a imporsi anche da un punto di vista comunicativo. Eppure, nonostante questo, possiamo parlare di bilancio in attivo perché il Cug Inail ha comunque affrontato con impegno i temi del benessere lavorativo, della conciliazione vita-lavoro, delle pari opportunità e del contrasto alle discriminazioni. E, soprattutto, ha saputo raggiungere risultati che hanno reso conoscibile, anche all’esterno,  l’Istituto”.

I risultati raggiunti

«I risultati raggiunti dall’Inail in termini di flessibilità lavorativa sono ormai presi a modello nella Pa e ci avviamo a dare contributi anche su nuove forme di modalità di lavoro a distanza».

Un pregio del Comitato è stato, poi, mettete a sistema tutto quello che l’Istituto ha fatto per i propri dipendenti. In primis la «Carta della conciliazione vita-lavoro dei dipendenti Inail» che, adottata su iniziativa del Cug, ha lo scopo di facilitare la divulgazione degli strumenti finora adottati, promuoverne l’utilizzo e contribuire al miglioramento del benessere delle persone e della produttività delle strutture.

Gli altri fronti di intervento del Cug

Il Comitato si è molto impegnato sul tema della salute e sicurezza, sia per promuovere l’attenzione al genere che per altri fattori di rischio molto legati alle discriminazioni come età e provenienza geografica. Altrettanto forte, però, è stato l’impegno sul tema del benessere, anche organizzativo, nonostante alcune difficoltà culturali riscontrate nel veicolare strumenti di ascolto.

L’attività esterna del Cug 

Il Comitato ha sicuramente instaurato rapporti forti con le istituzioni di riferimento quali il Dipartimento per la Funzione pubblica e quello per le Pari opportunità, la Consigliera nazionale di parità e l’Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali. Non è un caso, quindi, che l’Inail attraverso il lavoro del Cug abbia firmato la Carta delle pari opportunità col ministero del Lavoro e la Consigliera nazionale, abbia in fieri la sottoscrizione di un protocollo con l’Unar per il contrasto alle discriminazioni sul lavoro e la tutela dei lavoratori migranti ed abbia partecipato attivamente a tutte le edizioni di ‘Frecciarosa’.

La rete dei Cug

La promozione del Forum dei Cug è nata su iniziativa dell’Inail: si tratta di una rete composta dalle amministrazioni centrali e nazionali e consolidata in un network, all’interno del quale l’Inail occupa una posizione privilegiata con una funzione diversa da tutte le altre.

Sviluppi futuri per il Cug

Tanto è stato fatto, ma ancora tanto si può fare. La dirigenza pubblica è chiamata, ora più di prima, in difetto di risorse, a confrontarsi con un personale al quale non può offrire incrementi retributivi ma, che può lavorare per avere ambienti di lavoro improntati alla trasparenza, al rispetto delle diversità, al merito. Trasformando, dunque, criticità in opportunità di rivisitazione dei contesti.

In definitiva, afferma il Presidente: «le competenze attribuite al Cug ne fanno un importante strumento a disposizione del datore di lavoro pubblico che, in tempi di spending review, deve assicurare, oggi più di prima, il raggiungimento degli obiettivi e il miglioramento del servizio pubblico, con sempre minori risorse, incidendo anche sull’organizzazione del lavoro attraverso un inevitabile processo di coinvolgimento e motivazione delle persone».

(Fonte: Inail)

 

Avv. Amilcare Mancusi

Ciao, sono un avvocato civilista, ideatore e curatore del sito Punto di Diritto. Sono custode e delegato alle vendite presso il Tribunale di Nocera Inferiore. Mi occupo di consulenza e assistenza legale in materia di recupero crediti ed esecuzioni immobiliari, problematiche condominiali (sono stato amministratore di diversi condomini), risarcimento danni, famiglia, successioni e volontaria giurisdizione, consulenza alle aziende (anche in tema di sistemi di videosorveglianza e cessione di ramo). Ho fornito consulenza, in maniera residuale, in materie giuslavoristiche, amministrative e tributarie. Nel tempo libero sono un runner dilettante e leggo con piacere noir e gialli italiani o romanzi di grandi autori moderni.

    error: Il contenuto è protetto!