Il certificato di agibilità presupposto del regolare uso dell’edificio in coerenza alla sua destinazione

Il certificato di agibilità – secondo l’art. 24 del D.P.R. n. 380/2001 – attesta la sussistenza delle condizioni di sicurezza, igiene, salubrità, risparmio energetico degli edifici e degli impianti negli stessi installati, valutate secondo quanto dispone la normativa vigente.

Lo ha stabilito il Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio – Roma, Sezione II, con la sentenza del 18 gennaio 2021, n. 693.

La vicenda

Il ricorrente Tizio ha chiesto al Tribunale di annullare la determinazione dirigenziale n. 184 del 24.02.2009 del Comune di Roma di rigetto delle domande di agibilità presentate il 17.06.2004 (prot. n. 3XXX5) e il 4.08.2005 (prot. n. 5XXX7) in relazione all’edificio sito in Roma, via Fantasia n. 24.

I motivi di ricorso

A sostegno della sua domanda, il ricorrente ha dedotto i seguenti motivi:

Con il primo motivo ha dedotto la violazione e falsa applicazione dell’art. 25 del DPR n. 380/2001, decadenza della p.a., illegittimità ed eccesso di potere anche con riferimento all’art. 10 bis della l.n. 241/1990;

Con il secondo motivo ha dedotto violazione e falsa applicazione dell’art. 25 del DPR n. 380/2001, travisamento ed erronea valutazione dei fatti, erronea interpretazione della documentazione, difetto di motivazione e carente istruttoria, eccesso di potere;

Con il terzo motivo ha dedotto la violazione e falsa applicazione dell’art. 25 del DPR n. 380/2001, difetto di istruttoria, eccesso di potere.

La decisione in sintesi

Il TAR del Lazio mediante la menzionata sentenza n. 694 del 2021, ha ritenuto i motivi non fondati e ha rigettato il ricorso.

La motivazione

Sul punto il Collegio ha precisato che il certificato di agibilità – secondo l’art. 24 del D.P.R. n. 380/2001 – attesta la sussistenza delle condizioni di sicurezza, igiene, salubrità, risparmio energetico degli edifici e degli impianti negli stessi installati, valutate secondo quanto dispone la normativa vigente

In base a tale disciplina il certificato di agibilità non può essere prefigurato come un atto meramente formale, ma rappresenta il presupposto del regolare uso dell’edificio in coerenza alla destinazione dello stesso.

Il successivo art. 25, comma 3, prevedeva che “Entro trenta giorni dalla ricezione della domanda di cui al comma 1, il dirigente o il responsabile del competente ufficio comunale, previa eventuale ispezione dell’edificio, rilascia il certificato di agibilità verificata la seguente documentazione (…)”

Il comma 4 stabilisce ancora che “Trascorso inutilmente il termine di cui al comma 3, l’agibilità si intende attestata nel caso sia stato rilasciato il parere dell’A.S.L. di cui all’all’articolo 5, comma 3, lettera a). In caso di autodichiarazione, il termine per la formazione del silenzio-assenso è di sessanta giorni”.

Dinanzi alla richiesta da parte dell’Amministrazione di integrare la documentazione allegata all’istanza, che si presentava incompleta in relazione a molteplici profili quali

a) la difformità tra la consistenza dichiarata nella perizia giurata e quella risultante dal titolo autorizzativo e dal relativo progetto,

b) la mancanza delle planimetrie catastali,

c) l’assenza della richiesta di messa in esercizio al Dipartimento XII degli ascensori,

d) la mancanza del certificato di imbocco in fogna,

e) l’assenza della certificazione ai sensi della l.n. 46/90 per l’impianto a gas per il tratto che va dal rubinetto al piano cottura escluso dal certificato allegato,

f) la mancanza in tutta la documentazione ai sensi della l.n. 46/1990 relativa agli impianti a gas e idrico sanitario della data di rilascio della stessa e dei numeri civici e l’assenza della certificazione relativa ai negozi,

g) la mancanza di tutta la documentazione toponomastica, il ricorrente ha, in verità, dimostrato di aver prodotto solo una parte degli atti mancanti, limitandosi ad affermare, in relazione alle altre criticità riscontrate, l’irrilevanza delle incongruenze rilevate dall’Amministrazione e delle certificazioni pur domandategli o l’inesistenza delle contestate carenze documentali.

L’incompletezza dell’istanza non permette, in primo luogo, di considerare formato il silenzio-assenso, la cui integrazione è stata, invece, sostenuta dal ricorrente.

Infatti, se in linea generale il tacito accoglimento di una domanda si differenzia dalla decisione esplicita solo per l’aspetto formale, è necessario tuttavia che sussistano tutti gli elementi soggettivi e oggettivi che rappresentano gli elementi costitutivi della fattispecie di cui si invoca il perfezionamento (cfr. T.A.R. Napoli, n. 1767/2016 e n. 2191/2014; T.A.R. Salerno, n. 1325/2013).

Al riguardo, giova, infatti, rammentare, in via generale, che la formazione del silenzio – assenso sulle istanze dei privati postula che l’istanza sia assistita da tutti i presupposti di legge, non determinandosi ope legis l’accoglimento della richiesta ogni qualvolta manchino i presupposti di fatto e di diritto previsti dalla norma.

Difatti, il provvedimento di assenso tacito non può formarsi in assenza della documentazione completa prescritta dalle norme di settore, in quanto l’eventuale inerzia dell’amministrazione nel provvedere sull’istanza di avvio del procedimento non può far conseguire agli interessati un risultato che gli stessi non potrebbero mai conseguire in virtù di un provvedimento espresso; al riguardo, va precisato che il silenzio equivale al provvedimento amministrativo ma non incide in senso abrogativo sull’esistenza del regime autorizzatorio, che rimane inalterato, trattandosi di una modalità semplificata di conseguimento dell’autorizzazione.

La produzione di tale documentazione è indispensabile proprio al fine del riscontro dei requisiti soggettivi ed oggettivi, la cui incompletezza preclude la formazione del titolo abilitativo in forma tacita (T.A.R. Campania, Napoli, Sez. IV, n. 1100/2016).

Vai alla decisione

Ecco il link a: Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio – Roma, Sezione II, sentenza del 18 gennaio 2021, n. 693

Avv. Amilcare Mancusi

Ciao, sono un avvocato civilista, ideatore e curatore del sito Punto di Diritto. Sono custode e delegato alle vendite presso il Tribunale di Nocera Inferiore. Mi occupo di consulenza e assistenza legale in materia di recupero crediti ed esecuzioni immobiliari, problematiche condominiali (sono stato amministratore di diversi condomini), risarcimento danni, famiglia, successioni e volontaria giurisdizione, consulenza alle aziende (anche in tema di sistemi di videosorveglianza e cessione di ramo). Ho fornito consulenza, in maniera residuale, in materie giuslavoristiche, amministrative e tributarie. Nel tempo libero sono un runner dilettante e leggo con piacere noir e gialli italiani o romanzi di grandi autori moderni.

    Arricchisci l'argomento con un tuo commento!

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    error: Il contenuto è protetto!